World Hearing Day 2021: l’intervento del presidente ANA, Mauro Menzietti

Share:
Riportiamo l’intervento di Mauro Menzietti, presidente ANA (Associazione Nazionale Audioprotesisti) e fondatore #UditoItaliaOnlus.
“Il World Hearing Day è stato un grande evento per tutto il mondo dell’udito. Oggi in tutto il mondo i professionisti del settore stanno facendo la propria parte per migliorare le condizioni dei deboli di udito, soprattutto sensibilizzando i più giovani. L’udito, una volta, perso non si recupera più. Questo è il messaggio ed è urgente intervenire in maniera preventiva ed efficace.
L’abbiamo capito anche in questa pandemia, l’udito è fondamentale per mantenere attive le nostre relazioni familiari, lavorative, interpersonali. Chi ha un problema di udito, infatti, ha vissuto con difficoltà questo anno di pandemia, tra mascherine, distanziamento sociale, conversazioni tramite computer o telefono, didattica a distanza e telelavoro. Per la prima volta, dunque, nel corso della pandemia, l’udito ha rivendicato il proprio ruolo fondamentale nella società. E purtroppo ad oggi non è più considerato l’ultimo dei problemi. In questo momento siamo tutti collegati attraverso le nostre orecchie.
Peccato non essere potuti andare a Ginevra. L’Italia brilla in quel contesto mondiale, per le iniziative che da oltre 12 anni porta avanti e per l’alto valore scientifico che condivide con i massimi esperti mondiali. Dall’Italia arriva una voce univoca che lancia un appello alle istituzioni, ai governi e a tutti i cittadini.
Anche nel mondo dell’udito siamo in pandemia. I numeri sono altissimi. Ma qui il virus si chiama mancanza di informazione e questo aumenta l’isolamento sociale di chi ha problemi di udito. Dobbiamo cercare il vaccino contro questa mancanza di informazione e contro i pregiudizi che ancora limitano questo mondo. E dopo 6 giornate dell’Udito e 12 anni di prevenzione nelle piazze italiane, possiamo dire che Udito Italia Onlus sta cambiando il mondo dell’udito in Italia”.

Share:

Leave a reply